via Rattazzi, 2 – Latina
tel. +39 0773 696367
biblioteca@casadellarchitettura.eu

Contatti:
Ferruccio Bianchini
Cell. +39 349 2254070

Orari
Lun. – Ven. 9.00-12.30 | 15.00-18.00
Sab. 9.00-12.30
Previo appuntamento
scrivendo a
archivi@casadellarchitettura.eu

regolamento dell’archivio
modulo accesso sala studio

È disponibile il servizio di riproduzione digitale dei documenti. Le riproduzioni sono soggette al pagamento delle tariffe stabilite nel tariffario

ARCHITETTURA E ARTI DECORATIVE organo del Sindacato Nazionale Architetti (1926-31)

Rivista di arte e di storia edita da Bestetti e Tuminelli-Milano. Fondata nel 1921 fu diretta da Gustavo Giovannoni fino al 1927. Successivamente divenne l’organo ufficiale del Sindacato Nazionale Fascista degli Architetti e Alberto Calza Bini ne assunse la direzione.
Nel 1931 la rivista cessa le pubblicazioni e si trasforma in “Architettura” diretta da Marcello Piacentini.

20 fascicoli (1926-1931).

URBANISTICA rivista dell'Istituto Nazionale di Urbanistica (1928-continua)

Rivista bimestrale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica diretta da Pietro Betta (1932) e da Armando Melis (1932-1944).
Edita prima a Torino come rivista della sezione piemontese dell’INU e successivamente a Roma.

22 fascicoli (1934-1962).

DOMUS (1928-continua)

Rivista di architettura e arti decorative fondata nel 1928 edita a Milano da Editoriale Domus.
Fino al 1940 è stata diretta da Giò Ponti e successivamente da Bontempelli, Pagano e Bega.
Nel periodo 1943-45 è direttore M.Bega.

45 fascicoli (1929-1955).

consulta la collezione

LA CASA BELLA (1928-1931)

Rivista mensile edita a Milano da Editoriale Domus. Diretta da Guido Marangoni fino al 1929 e da Bonfiglioli fino al 1932.
Dal 1933 si trasforma in “Casabella” sotto la direzione di Giuseppe Pagano.

8 fascicoli (1928-1931).

RASSEGNA DI ARCHITETTURA rivista mensile di architettura e decorazione (1929-1940)

Rivista mensile edita a Milano e diretta da Giovanni Rocco. Nel 1940 si fonde con “Architettura”.

20 fascicoli (1929-1934)

EDILIZIA MODERNA (1929-continua)

Rivista trimestrale del linoleum edita a Milano da Modiano. Direttore responsabile Ernesto Giorgi; direttore artistico Paolo Mosera.

14 fascicoli (1933-1953)

ARCHITETTURA rivista del sindacato nazionale fascista architetti (1931-1943)

Rivista di architettura edita a Milano da Treves-Treccani-Tuminelli (1932-33), dai Fratelli Treves (1934-38) e da Aldo Garzanti (1939-43). Diretta da Marcello Piacentini fu l’organo del Sindacato Nazionale Fascista degli architetti. La pubblicazione fu interrotta nell’aprile del 1943.

45 fascicoli (1932-1938)

CASABELLA (1933-1937)

La rivista è diretta da G. Pagano. Edoardo Persico ne fu redattore e poi condirettore fino al 1936, anno della sua morte.
Dal 1938 la testata si trasforma in “Casabella-Costruzioni” e successivamente in “Costruzioni-Casabella”.

7 fascicoli (1933-1937).

CASABELLA - COSTRUZIONI (1938-1943)

“Casabella-Costruzioni” e successivamente “Costruzioni-Casabella” cessa le pubblicazioni su imposizione del Ministero della Cultura Popolare nel dicembre del 1943 (fasc. n. 191/192)
dopo che il suo direttore Pagano fu imprigionato e deportato.

19 fascicoli (1938-1943).

METRON rivista internazionale d'architettura (1945-1954)

Rivista di architettura e urbanistica, nata a Roma come espressione dell’Associazione per l’Architettura Organica (A.P.A.O.),
co-diretta da Luigi Piccinato e Mario Ridolfi ed edita da Sandron (1947-1948);
pubblicata poi a Milano con il titolo di “Metron Architettura” per le Edizioni di Comunità di Adriano Olivetti (1951-1954).
Dal 1955 continua con “L’architettura: cronache e storia”.

8 fascicoli (1947-1948)

consulta la collezione

CASABELLA - CONTINUITA' (1954-1965)

Nel gennaio 1954, inizialmente con cadenza quasi bimestrale, esce “Casabella-Continuità”, diretta da Ernesto Nathan Rogers.
Rogers mantiene la direzione fino al gennaio 1965 e dal gennaio 1959 la rivista assume nuovamente una cadenza mensile.
Dall’agosto 1965 e fino al maggio 1970, la direzione viene affidata a Gian Antonio Bernasconi,
mentre il titolo della rivista torna ad essere “Casabella”.

47 fascicoli (1954-1965).

non consultabile online